8 modi per purificare energeticamente la tua casa.

Ho iniziato a prendermi cura degli aspetti energetici dell’abitare 10 anni fa, quando studiavo discipline naturopatiche ed iniziavo a sperimentarle sulla casa affiancandole all’ interior styling. 

Ho sperimentato e imparato molto ed in questo articolo voglio condividere con te gli 8 modi migliori di purificare energeticamente la tua casa come pratica di cura e presenza.

8 modi per purificare energeticamente la tua casa

Di cosa parliamo in questo articolo?

Cosa significa purificare energeticamente una casa?

Purificare energeticamente la tua casa significa semplicemente prenderti cura degli aspetti meno visibili dell’esperienza quotidiana ovvero quelli emozionali e sensoriali.

Piccoli gesti da ripetere periodicamente che aiutano a connettere la casa al suo abitante e rimanere centrato nell’ascolto di sè, un pò come una pratica meditativa o nella mindfullness ma che coinvolge anche i sensi e che è estremamente piacevole.

Lo scopo, è ottenere un’ambiente equilibrato e sereno.

 

 

Perchè la pulizia energetica è così importante per il benessere?

Anche se la casa è un pò il nostro “nido”, non sempre al suo interno viviamo esperienze super piacevoli, le cose spiacevoli fanno parte della quotidianità e della vita, e lasciano nella nostra memoria corporea una sorta di  traccia che possiamo però alleggerire.

 

La memoria corporea e quella dei luoghi è molto simile, così come un brutto litigio “ci rimane addosso”, anche nella casa si mantengono per un certo periodo, almeno finchè non ce ne prendiamo cura.

Una preoccupazione, un litigio, una qualsiasi vicenda sgradevole “depositano” a livello energetico una loro traccia, che le persone più sensibili sentono come un’appesantimento dell’atmosfera.

Fortunatamente esistono molti rimedi naturali con cui effettuare un ripristino dell’armonia ed una vera e propria pulizia sottile.

Se ci pensi, è come un completamento delle normali pulizie di casa: pulisci le superfici anche perchè ti da benessere abitare una casa pulita e profumata, e per lo stesso motivo è importante pulire anche ciò che non si vede, ma si sente!

Perchè la pulizia energetica è così importante per il benessere

Quando si pratica una pulizia energetica in casa?

 

Ogni volta che senti la necessità di un “reset emotivo”, quando senti di aver bisogno di un twist, si cambiare uno stato d’animo, dopo aver ricevuto la visita di una persona che provava emozioni come una forte tristezza, oppure per ripartire bene dopo una convalescenza.

Il mattino è un ottimo momento per praticarla, anche semplicemente introducendo nella tua routine un momento di raccoglimento in cui accendi un incenso ed una candela.

Essendo una pratica naturale non c’è un limite al quante volte praticarla, e puoi modulare l’intensità  e la profondità della tua pulizia in base al tuo intento (lo vedremo più avanti), ma c’è un caso su tutti in cui fare un piccolo “reset” energetico è davvero di grande beneficio:

Purificare casa nuova.

Hai presente quando stai cercando casa e ne visiti tantissime ed ognuna ti lascia una sensazione? Sai che nel settore immobiliare si dice che sono i primi 90 secondi che incidono sulla decisione del potenziale acquirente?

 

Questo ti fa capire quanto sia importante quella prima impressione, è una reazione immediata, come se fosse il nostro corpo a “captare” qualcosa prima ancora che la nostra mente si faccia un giudizio razionale.

Quando entri in una casa nuova, fare una pulizia energetica significa proprio fare un piccolo reset e dare lo spazio ed il tempo alla tua energia di sostituire quella dei vecchi proprietari.

 

Come funziona una pulizia energetica della casa?

L’ideale è integrare la pulizia energetica alle normali pulizie di casa, di norma dopo aver pulito la parte “pesante” (polvere e sedimenti vari), puoi procedere con la tua purificazione energetica.

I modi di prenderti cura di questa pulizia sono davvero tanti, puoi scegliere in base a come ti senti e con cosa ti senti di familiarizzare di più, ma qualsiasi cosa tu scelga la base è lo stato di presenza e raccoglimento con cui ti accingi a fare questo piccolo rito di purificazione naturale.

Non vorresti mai farlo distrattamente o in maniera meccanica, ed in fondo all’articolo ti spiego perchè, ora andiamo nel pratico e vediamo quali strumenti hai a tua disposizione.

Cosa usare per purificare la casa?

Quasi tutte le purificazioni avvengono tramite l’elemento fuoco o l’elemento acqua, oppure entrambi. Questo perchè in qualsiasi tradizione e saggezza che abbia delle radici, il fuoco è elemento vivo di purificazione e rinnovamento, ed in questo caso ha una sia una valenza simbolica che pratica.

Vediamo insieme gli 8 modi per purificare energeticamente la tua casa.

 

1 La fumigazione, o smudging

Per fumigazione o smudging, si intende la combustione di erbe aromatiche essiccate e raccolte in fasci avvolte su stesse. 

Il fumo che si genera dalle foglie secche è molto denso e bianco, dall’odore pungente e tende a rimanere a lungo nella stanza. 

Di solito si fa con le finestre chiuse proprio per saturare la stanza di fumo per qualche minuto, prima di aprire le finestre e farlo uscire in cambio di aria fresca: con il fumo uscirà anche l’energia più pesante.

E’ una pratica antichissima come quella che tutt’oggi vediamo fare nelle funzioni religione con gli incensi ed unisce l’aromaterapia ad un potente effetto di purificazione (alcune piante hanno anche proprietà antisettiche).

2 L’incenso

Si parla sempre di fumigazione dove però si utilizzano principalmente resine naturali. Invece del fuoco vivo si utilizzano carboncini ardenti in un contenitore (l’incensiera). Il fumo è leggermente meno denso ma l’odore è molto meno pungente e assai piacevole.
 
L’incenso si trova molto comunemente in pratici stick, in cui le resine sono ridotte in polvere e mescolate a foglie aromatiche per poter permettere una combustione lenta ed efficace, in cui però l’odore è più “speziato” e meno riconoscibile.
 

3 Il palo santo.

Si tratta di un essenza di legno di un albero particolare, il Bursera graveolens che non viene abbattuto per ricavarne questi stick che invece vengono raccolti dai rami naturalmente ricambiati dall’albero. 
 
Ha un profumo simile a quello del legno di cipresso, ricco di resine ed il suo profumo ha un effetto straordinario ed immediato sul tono dell’umore, oltre ad avere proprietà antisettiche sprigionate nell’ambiente attraverso il fumo.
Come funziona una pulizia energetica in casa?

4 Gli oli essenziali

Puoi fare un’eccellente pulizia del tuo ambiente anche senza utilizzare il fumo, ma facendo invece evaporare gocce di olio essenziale in acqua, tramite un brucia essenze ed una candelina tealight. 
 
Gli olii essenziali sono sostanze preziosissime perchè sono gli oli purissimi contenuti nel fiore ed ottenuti per distillazione. Ogni fiore contiene meno di una goccia di olio essenziale (dipende dal fiore!) ed è quindi importantissimo dosare con cura gli olii.
 
Il potere che questi profumi e odori hanno sulla psiche fa si che sì che la nostra parte emozionale si sintonizzi sull’armonia offerta da quelle specifica nota, ed il diffondersi in tutta la stanza ti farà sentire  immediato sollievo e benessere tipici dell’aromaterapia.
 
Io li utilizzo moltissimo, sia in ambiente per l’aromaterapia, sia per la cura della pelle. All’inizio ho impiegato un pò di tempo a trovare quelli giusti perchè non tutti i produttori sono attendi ad indicare il livello di purezza e il rispetto per l’ambiente.
(Se posso esserti utile, questi sono quelli che utilizzo e con cui mi trovo molto bene. La ditta è italiana, anzi è a pochi km da casa mia!)
 

5 Il fuoco delle candele

Tenere delle candele accese è di per se una purificazione. 
 
Oltre a creare un’atmosfera di distensione,  raccoglimento e presenza,  (il fuoco è un elemento vivo, ricordiamocelo!) l’area immediatamente sopra la fiamma viene riscaldata arrivando a temperature veramente molto alte, in cui batteri e micro organismi vengono letteralmente neutralizzati! 
 
L’ideale è porre un vassoio con più candele accese sul pavimento o su un ripiano basso, proprio per innalzare le energie e pulire l’aria “dal basso”.
 
Se scegli candele profumate in modo naturale puoi introdurre anche l’elemento aromaterapeutico che potenzierà la tua pulizia.

6 Pietre e cristalli

Ti dico la verità, è il metodo che ho utilizzato meno. Essendo che è un tipo di purificazione che non coinvolge i nostri sensi, per poter sentire l’effetto di questi rimedi naturali è necessaria una sensibilità piuttosto affinata.
 
Tuttavia sono molto utilizzati per le loro proprietà, soprattutto il quarzo è apprezzatissimo per la capacità di assorbire energie non funzionali all’essere umano e rilasciarne di benefiche.
 
Tuttavia i cristalli sono molto conosciuti per la capacità di immagazzinare informazione e la possibilità di essere “programmati” con intenzioni e quindi hanno bisogno di essere purificati a loro volta.
 

 Il sale.

Il sale è a tutti gli effetti un cristallo, che connette con l’elemento terra proprio come le pietre. Probabilmente anche la tua nonna lo utilizzava come purificatore d’ambiente dopo una febbre o dopo un malanno in genere, giusto?
 
E’ uno dei rimedi più diffusi ed utilizzati infatti, e a differenze delle pietre e gli altri cristalli ha la proprietà di assorbire energie pesanti ed anche di disciogliersi in acqua, così, una volta utilizzato per la pulizia, l’acqua con il sale “caricato” può venire restituita alla terra o gettata in un corso d’acqua o negli scarichi di casa, rendendolo estremamente versatile e comodo.
 
Puoi utilizzarlo tal quale in una ciotola posta agli angoli delle stanze oppure in soluzione con l’acqua, avendo cura di non tenerlo in casa per più di due, tre giorni: assorbirà le energie più pesanti ed anche l’umidità in eccesso, rendendo l’aria più salubre.
 

7 Il suono.

Anche il suono ha la capacità di realizzare un’armonizzazione, anzi è forse lo strumento migliore proprio per la sua natura immediata: quella di proporre all’ambiente una frequenza sonora più e più volte fino a che l’ambiente non si accorda ad essa, proprio come facciamo con gli strumenti musicali.
 
Puoi provare questo effetto di armonizzazione utilizzando le famose campane tibetane, che sono delle speciali ciotole metalliche realizzate a mano, oppure se hai un buon impianto audio, diffondere in casa il loro suono riprodotto in file audio (si trova moltissimo anche su youtube!)
 

8 Le essenze floreali

Se mi conosci già da un pò sai che ho studiato floriterapia e sperimentato molto con i fiori di Bach in ambiente, con grandi benefici.

I fiori di Bach sono 38 essenze floreali preparate in modo molto semplice con fiori che per la maggior parte crescono spontaneamente anche in Italia, e che sono utilizzati per armonizzare gli squilibri emozionali.

Sono rimedi vibrazionali e funzionano proprio come il suono: assumendoli si propone all’organismo o al luogo una determinata vibrazione/frequenza armonica più volte nel tempo, finchè “l’accordatura” diventa stabile.

Si utilizzano in diluizione e si possono far preparare tranquillamente in farmacia.

Solitamente si assumono per via orale ma è possibile anche utilizzarli in combinazione con gli olii essenziali nei brucia essenze o vaporizzati sui tessuti, in modo che vengano inalati e rilascino comunque le loro proprietà, anche se in modo meno specifico.

Nella mia esperienza sono ottimi riequilibratori, hanno effetto immediato anche se poco durevole, perfetti per ritrovare calma, concentrazione e serenità al bisogno.

 

La mia esperienza: il potere del nostro intento.

Come ti dicevo ho sperimentato a lungo ognuno di questi rimedi naturali tranne i cristalli ( ma mai dire mai! Magari in futuro…) ed avendo il diploma in floriterapia ho  sperimentato molto anche con le mie clienti e tutte si sono trovate molto molto bene.

Posso però dirti che da un certo punto di vista un rimedio vale l’altro se l’intento è presente e centrato: mezz’ora di meditazione tutti i giorni per esempio non fa bene solo a te ma riporta un certo equilibrio anche nella stanza dove mediti, e ti garantisco che a lungo andare anche i tuoi cari potranno sentire la differenza!

Le energie che emette una mente calma e centrata sono molto potenti ed influenzano l’ambiente circostante in maniera considerevole.

Hai esperienze in merito? Se ti fa piacere puoi condividere la tua esperienza, scrivendomi quì: rispondo sempre 😉

Condividimi!

ritratto

Silvia Ramalli.

Sono una Stilista d’interni, ovvero coccolo case e abitanti. 

Sono esperta nello scovare e far sbocciare l’armonia nascosta delle case e aiutarti a trasformarle in posti che ti fanno stare bene davvero, anche se hai un piccolo budget.
Nel tempo libero amo annodare macramè, camminare per boschi e scoprire posti nuovi, sempre con un pò di musica nelle orecchie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *